martedì 24 novembre 2015

Shattering Logic to Explain the Flynn Effect di Linda S. Gottfredson

The chief riddle posed by the Flynn Effect is this: How can something so heritable as IQ change so quickly from one generation to the next? To my mind, this paradox signals that we have yet to learn something fundamental about intelligence or current measures of it.

 There is no evidence that g itself has increased.

cognitive skills on different IQ subtests may be differentially affected by shifting cultural priorities, and various parts of the brain can be subjected to “cognitive exercises” of different sorts.

IQ tests are excellent measures of relative differences in a general proficiency to learn and reason, or g. But it is important to understand that they do so by providing deviation scores. That is, IQ scores are calculated relative to the average number of items answered correctly by everyone in one’s age group (the scores being transformed to have a mean of 100 and standard deviation of 15 or 16 for ease of use). Untransformed raw scores (numbers of items answered correctly) have no meaning by themselves.

No one would mistake a thermometer for heat, nor try to glean its properties from the device’s superficial appearance. Nor should one do so with IQ tests. But people often confuse the yardstick (IQ scores) with the construct (g) actually measured.

l'intelligenza è rigida? molto prob sì. 

primo argomento: è predittiva: chi scommette sul futuro di tizio vuole sapere il suo iq a 8 anni. se fosse flessibile l iq non sarebbe tanto predittivo.

secondo argomento: le classifiche fatte a 8 anni sono simile a quelle fatte (per lo stesso gruppo) a 50 anni. solo un caso? ben strano se l' intelligenza fosse flessibile.

obiezione comune: e il flynn effect? ovvero l' innalzamento dell iq nelle generazioni?

risposta: un'intelligenza rigida non esclude una misurazione flessibile (ovvero dipendente dal contesto), quindi intelligenza rigida e flynn effect sono compatibili.

ma l'iq è davvero flessibile? certo. argomento: il teaching to the test migliora molto l'esito della misurazione.

contesto: notare la differenza tra due contesti mutati, quello  del flynn effect e quello del secondo argomento: in quest'ultimo l'individuo opera per entrare in quel contesto (è quindi l'intelligenza a condurlo lì), nel primo, invece, è il contesto s'impone a prescindere dall'intelligenza. Ebbene, se il contesto influenza la misurazione (iq) dell'intelligenza, è chiaro che dobbiamo stare molto attenti a interpretare il flynn effect. Nel caso del secondo argomento, invece, i rischi di interpretazione sbagliata sono molto meno accentuati.